Nuclear power India 2015 ENG

Nuclear Power in India

(Updated 23 February 2015)

http://www.world-nuclear.org/info/Country-Profiles/Countries-G-N/India/

  • India has a flourishing and largely indigenous nuclear power program and expects to have 14,600 MWe nuclear capacity on line by 2020. It aims to supply 25% of electricity from nuclear power by 2050.
  • Because India is outside the Nuclear Non-Proliferation Treaty due to its weapons program, it was for 34 years largely excluded from trade in nuclear plant or materials, which has hampered its development of civil nuclear energy until 2009.
  • Due to earlier trade bans and lack of indigenous uranium, India has uniquely been developing a nuclear fuel cycle to exploit its reserves of thorium.
  • Since 2010, a fundamental incompatibility between India’s civil liability law and international conventions limits foreign technology provision.
  • India has a vision of becoming a world leader in nuclear technology due to its expertise in fast reactors and thorium fuel cycle.

Nuclear plants in programme

Uranium mines

The new energy parks are to be:

Kudankulam (KKNPP) in Tamil Nadu: three more pairs of Russian VVER units, making 9200 MWe.

Jaitapur (JNPP) in Maharashtra’s Ratnagiri district: A €7 billion framework agreement with Areva was signed in December 2010 for the first two EPR reactors, along with 25 years supply of fuel.

Gorakhpur Haryana Anu Vidyut Pariyojana (GHAVP) in the Fatehabad district of Haryana is a project with four indigenous 700 MWe PHWR

Chhaya-Mithi Virdi in Gujarat’s Bhavnagar distirct will host up to six Westinghouse AP1000 units built in three stages on the coast.

Kovvada in Andhra Pradesh’s northern coastal Srikakulam district will host six GE Hitachi ESBWR units.

In addition to the original five energy parks:

Chutka (CNPP) in inland Madhya Pradesh is also designated for two indigenous 700 MWe PHWR units. NPCIL has initiated pre-project activities here, and a public hearing at Chutka was in February 2014. A preliminary environmental assessment is being prepared.

Mahi Banswara in Rajasthan is a new site for 700 MWe PHWRs. Land acquisition, government approval and environmental assessment are in train.

Haripur in West Bengal: to host four or six further Russian VVER-1200 units, making 4800 MWe. NPCIL has initiated pre-project activities here, and groundbreaking was planned for 2012. However, strong local opposition led the West Bengal government to reject the proposal in August 2011, and change of site to Orissa state has been suggested.

At Markandi (Pati Sonapur) in Orissa there are plans for up to 6000 MWe of PWR capacity. Major industrial developments are planned in that area and Orissa was the first Indian state to privatise electricity generation and transmission.

Bhimpur in Madhya Pradesh has in-principle government approval for two 700 MWe PHWRs, according to the DAE annual report 2013-14.

The AEC has also mentioned possible new nuclear power plants in Bihar and Jharkhand.

In 2014 the Chinese president initiated discussions with his Indian counterpart about building nuclear power plants, raising he possibility that China could compete with France, Russia, Japan and the USA.

 

Train yatra 2015

Una campagna ‘train yatra’ per una India  ‘Nuclear-Free’: da  Koodankulam a Dibrugarh    – National Campaign for ‘Nuclear-Free India’

http://www.dianuke.org/a-train-campaign-for-nuclear-free-india-from-koodankulam-to-dibrugarh/

Train Yatra da  Kanyakumari a  Dibrugarh, Assam, February 19-28, 2015

 

Venticinque volontari del  People’s Movement Against Nuclear Energy (PMANE) hanno completato un Train Yatra da  Kanyakumari (Tamilnadu)fino a  Dibrugarh (Assam), con il  Vivek Express (Train No. 15905), passando per gli Sati del  Kerala, Tamil Nadu, Andhra Pradesh, Odisha, West Bengal and Nagaland. Durante il viaggio sono stati distribuiti documenti nelle varie lingue: Tamil, Malayalam, Telugu, Odiya, Bengali, Assamese, Hindi e Inglese

Il ritorno è avvenuto con il treno Ledo-Kamakhya Intercity Express (Train No. 15604) fino a Guwahati, poi con  il Kochuveli Express (Train No. 06335) a Kochuveli/Thiruvananthapuram.

Durante il viaggio si è cercato di far comprendere ai cittadini dell’India che l’energia nucleare non è a buon prezzo,non  è pulita, non è sicura, non è salutare, non è morale,  e certamente non soddisfa i bisogni energetici e non risponde ai problemi del riscaldamento globale.

 

Si vuole interpellare la gente su cosa ne pensa del perdere la nostra indipendenza socio-economica e politica in nome dell’indipendenza energetica.  Che cosa ne pensa del fatto che il nostro governo sta modificando la nostra legge sulla responsabilità per aumentare i profitti di paesi stranieri, come United States, Russia, e altri.

Vogliamo sapere dalla gente se pensa che dovremmo comportarci come schiavi e aiutare gli stranieri ari colonizzare il nostro paese ancora una volta, oppure se pensa che dovremmo risolvere I nostri problemi in modo indipendente, con originalità e creatività.

 

People’s Movement Against Nuclear Energy (PMANE)
Idinthakarai 627 104
Tirunelveli District

 

Satyagraha in Mahan forest ENG

A Powerful Story Of How These Villagers Are Taking On Essar For Planning To Mine Their Forests

 Youth Ki Awaaz  March 4, 2014 http://www.youthkiawaaz.com/2014/03/powerful-story-villagers-taking-essar-planning-mine-forests/

 Autore: Pari Trivedi

As Indians gear up for the election battle this year, one can already hear the politicians’ campaigning plans for a better India. The highest priority on this agenda is that for development. Even as India is touted to become the third largest economy by 2028, a politician’s promise of Roti Kapda Makan is the primary vote winner for most in today’s date. It is a rather paradoxical situation when the government entices the voters with a distant dream of development and simultaneously allows multinational corporations to destroy the livelihoods of its people on their own land.

In January this year, a group of villagers dared to challenge one such multinational company, Essar by peacefully protesting outside its headquarters in Mumbai. The villagers were a part of the Mahan Sangharsh Samiti (MSS) – an organisation set up to defend the rights of those whose livelihood depends upon the Mahan forests in Madhya Pradesh. In return,Essar filed a lawsuit against them claiming damages worth Rs. 500 crores and a gag order that forbids them from stating certain facts about the multi-million dollar conglomerate’s behaviour.

This exorbitant amount sought from these villagers, under the garb of compensation is an attempt to silence the voices that question the way in which their sustenance is ruined by mining. Generations of these villagers living in Mahan in Singrauli district, have primarily depended on the forests for their existence and Essar has threatened to clear these precious forests for a proposed coal mining project in the region.

The MSS has been relentlessly raising its voice against Essar for the way its proposed mine would destroy its members’ lives. Minister of Tribal Affairs, KC Deo has written to the Madhya Pradesh state government, and to Sonia Gandhi, raising his concerns over the way in which the villagers are mistreated at the hands of the company officials in Mahan.

In this case, Essar is also expediently overlooking the fact that the Mahan is a vital piece of central India’s remaining forest and clearing this precious forest land will pave way for the surrounding forests in the region to be axed. With such large-scale deforestation, the region will be wiped off its rich biodiversity, wildlife and the way of living that the people of Mahan have always known.

Jal —Jungle —Jamin (Water-Jungle-land), which is the motto of MSS, makes a poignant point about the sustainable lifestyle that the villagers live by and want to safeguard from Essar. However, what the Ministry of Environment seems to be safeguarding is an ideology that promotes industrial development at all costs. In just a month’s time, Veerappa Moily, Minister of Environment had cleared over 100 projects, many of them highly environmentally damaging, in a hasty manner that pays lip service to real development for Indians, while actually favouring those who are working for their private profits.

The people of Mahan who are on the verge of losing everything, have already started preparing for a big fight against the corporate powers as the news about the second environmental clearance to Essar was declared last month.

On February 27, the MSS mobilised almost 1000 villagers from 15 villages in the Mahan coal block region. The purpose of which was to hold a massive public meeting and launching of a Satyagraha against the tyrant forces that are threatening to destroy the Mahan forests.
Drawing inspiration from the Gandhian movement of Jan Satyagraha, Van Satyagraha stands for all the people who have the right to be heard and live their life the way they want. The peaceful nature of the protest reinstates the shared values of other environmental movements like the Chipko movement and Narmada Bachao Andolan.

In what might seem to become a defining example for environmental movements in India, Van Satyagraha — as the villagers like to call it, is an ongoing movement in the Mahan forest that will peacefully establish the voices of the villagers till the clearance order is revoked by the environment minister Veerappa Moily.

However, even in this time of uncertainty, they have vowed to not end their struggle, and continue fighting with Essar in a peaceful manner so that they can keep the Mahan forests safe for the generations to come.

 

Globalizzazione delle multinazionali e conflitti nella Nuova India

Di  Graham Peebles / October 19th, 2013  http://dissidentvoice.org/2013/10/corporate-globalization-and-conflict-in-new-india/

Molta della ricchezza mineraria dell’India giace nascosta profondamente sotto terra, sotto le grandi foreste e le montagne di questa terra antica. Ambienti che sono stati la casa di gruppi di Adivasi per millenni –comunità che, per le Corporations che stanno adocchiando i loro futuri profitti, sono un fastidioso ostacolo che occorre rimuovere al più presto, e con la minima spesa.

Queste popolazioni, che hanno condotto in modo sostenibile delle vite semplici per generazioni, senza scuole,ospedali, negozi,internet, e acqua corrente, questi milioni di popoli antichi sono visti come un fastidio dalla Nuova India e dalla sua continua crescita economica. I loro modi di vivere,le loro case, le loro stesse vite sono minacciate da un governo che trascura le persone che più avrebbero bisogno di ricevere sostegno, e permette compagnie minerarie e a rapaci multinazionali di violentare la terra, causare distruzioni ambientali e violare i diritti umani delle persone coinvolte.

 

Riferimenti bibliografici

Asian center for human rights, 2006. The Adivasis of Chhattisgarh: Victims of the Naxalite Movement and Salwa Judum Campaign. New Delhi: Asian center for human rights

Asian Center for human rights, 2011. RTI activists: sitting ducks of India. New Delhi: Asian center for human rights

Bhushan C., 2008. Rich lands poor people: the socio-environmental challenges of mining in India [online], 6th citizen’s report. Disponibile su http://bdsnetwork.cbs.dk/publications/chandra.pdf

Centre for Science and Environment, Mining Overview. Disponibile su http://www.cseindia.org/node/384

Cortellessa P., Le mosse di Vedanta [online], Agosto 2010, Terra Terra,  Il Manifesto. Disponibile su http://www.ilmanifesto.it/archivi/terra-terra/nocache/1/pezzo/4c6d4cc9a3ba7/

Desai P., La nuova frontiera del ferro [online], Dicembre 2011, Terra Terra,  Il Manifesto. Disponibile su http://www.ilmanifesto.it/archivi/terra-terra/nocache/1/pezzo/4ee8e3745a4d9/

Forti M., 2012. Il cuore di tenebra dell’India. Inferno sotto il miracolo. Roma: Mondadori.

Juneja S., 2011. Sharing the wealth of minerals, Centre for Science and Environment: New Delhi.

Ndugai J., Rivas M., 2011. Impatto sociale e ambientale dell’attività mineraria nei paesi ACPASSEMBLEA PARLAMENTARE PARITETICA ACP-UE, Commissione per gli affari sociali e l’ambiente. Disponibile su http://www.europarl.europa.eu/meetdocs/2009_2014/documents/acp/dt/882/882645/882645it.pdf

Roy A., Camminando con i Maoisti, 18 giugno 2010, Internazionale, n. 851.

Wagner G.R., 1996. Screening and surveillance of workers exposed to mineral dusts, World Health Organization.

Disponibile su http://www.who.int/occupational_health/publications/mineraldust/en/index.html

 

 

Invisibili D’Elia / Pesce

Un film di Tommaso D’Elia e Alessandro Pesce   con la collaborazione di Romain Delachaux
Pubblicato in data 02/apr/2013 su youtube  http://www.youtube.com/watch?v=Dk9s0Unt864
Regia Tommaso D’Elia
Aiuto regia Alessandro Pesce
Montaggio Luca Onorati
Produzione D’Elia/Pesce – Paneikon; con il contributo di Lega Ambiente

Lungo il fiume Narmada veniamo a contatto con i villaggi degli ultimi Adivasi, con le loro semplicissime scuole, la loro lotta e con il monsone che a ogni estate devasta tutto. Il fiume Narmada è uno dei sette fiumi sacri dell’India: sbarrato da cinque dighe e da oltre 3000 più piccole in tutti i suoi tributari, costituisce uno degli impianti idroelettrici più ambiziosi mai realizzati, grazie a un progetto che ha provocato lo sfollamento di centinaia di migliaia di nuclei famigliari. Sono tuttora in corso i lavori sulla diga più grande e controversa, la Sardar Sarovar. Una volta finita essa non potrà che provocare ulteriori sfollamenti. Tra le voci raccolte, spicca quella di Sanjay Mitra. Nel rievocare il passato di militante naxalita in difesa degli Adivasi dello Jharkhand, egli ci invita a imparare da loro le leggi del rispetto di sé, in armonia con l’ambiente e la natura.

Premio del pubblico miglior documentario IV edizione AsiaticaFilmMediale 2005
IX° festival Cinema Ambiente — Torino 2006
‘Lontani e vicini: guardiamo i diritti umani’ — Roma 2006
Cinema Esedra di Torino, maggio 2006 — ‘La conoscenza aiuta lo sviluppo’
Festa dei Popoli — Locate Triulzi, Milano giugno 2006
Festival Internacional DerHumALC. — Argentina 2006
Festival OVNI-Barcellona Centro di Cultura Contemporanea 2008

Una serie di articoli su ‘La Stampa — Specchio’; ‘il manifesto-Alias’; ‘Avvenimenti’
In Catalogo — Cineteca di Bologna e Mediateca Toscana
Consigliato dalla Lonely Planet “India del Sud” ed. IT. 2009

Per richiedere il Dvd scrivere a: “Tommaso D’Elia”  tomdelia52@gmail.com   tel 338 86 92 484

Tommaso d’Elia    Filmografia dal 2000:

2012 » doc Sanjay e Sumitra – La Tigre e il Tifone: regia, soggetto, sceneggiatura, fotografia, produttore, Camera
2011 » doc Exodus Finding Shelter: regia, soggetto, sceneggiatura, fotografia, Interviste
2011 » doc La Pedata di Dio: regia, soggetto, sceneggiatura, fotografia
2010 » doc Workers. Rotte della Globalizzazione: regia, soggetto, sceneggiatura, fotografia, suono
2009 » doc Iaco’s Tale – Beyond Arunachal Pradesh: fotografia
2009 » doc Jamaica Mon Amour: regia, soggetto, sceneggiatura, Interviste
2006 » doc Calle Miguel Claro 1359: regia, soggetto, sceneggiatura, fotografia

 

Biografia:  Tommaso D’Elia, dal 1992 realizza, come regista e direttore della fotografia, documentari a sfondo sociale, politico e antropologico in Europa, Medio Oriente, Africa e Americhe. Tra gli oltre 50 programmi realizzati segnaliamo: Invisibili, Adivasi Dalit e la Narmada (2005 – Premio del pubblico miglior documentario IV edizione AsiaticaFilmMediale); il premiato Calle Miguel Claro 1359 (2006 – Premio miglior documentario festival di Siena “Hai visto mai”; Premio per la Pace Roberto Rossellini miglior documentario Mediterraneo Video Festival Paestum); Workers – Rotte della globalizzazione (2010), premio Roberto Gavioli, viaggio tra gli shipbreakers e i lavoratori del cotone in Gujarat fino ai contadini del Bengala costretti a vendere le proprie terre alle multinazionali occidentali. Tra i suoi ultimi lavori: Exodus- Finding Shelter (2011) ”La pedata di dio” (2011) un documentario su Don Luigi Ciotti. “Rototom pa’l mundo” (2012).
(ultima modifica: 14/10/2012)

 

Anti Posco contro il governo nov 2014

Il movimento Anti-POSCO critica fortemente il Governo dell’ Odisha che sostiene l’impianto di Khandadhar a favore della Posco

Saturday, November 08, 2014

http://www.orissadiary.com/CurrentNews.asp?id=54835

Bhubaneswar: Il movimento anti Posco (Posco Pratirodh Sangram Samiti – PPSS) si è espresso contro il sostegno che il governo dell’Odisha  sta fornendo alla Posco, la multinazionale coreana che intende aprire una miniera di ferro nel Distretto di Sundargarh. Il governo dell’Odisha ha infatti scritto al Governo centrale indiano sollecitandolo a dare l’autorizzazione agli scavi per la miniera a Khandadhar.

Il portavoce del movimento,  Prashant Paikray, ha espresso preoccupazione per il silenzio dei partiti politici rispetto alla situazione delle popolazioni, che stanno continuando le loro proteste democratiche contro l’apertura della miniera.

Il leader del PPPS si è anche dichiarato contrario alla proposta lanciata dal Centre for Management & Social Research (CMSR) di  Hyderabad di eseguire una indagine per la POSCO  sulle condizioni economiche dei  villaggi, e sostiene che gli abitanti sono determinati a non consentire alcuna indagine nella loro area.  Non capiscono perché  il governo vuole fare questa indagine, nonostante i ripetuti NO espressi dalla  Gram Sabha (Consiglio di Villaggio).

 

Il comunicato sostiene anche che il governo ha nuovamente esercitato una repression nell’area Dhinkia-Nuagaon area, e stacercando di terrorizzare lagente montando false accuse contro gli attivisti.

Consultare anche: : http://www.orissadiary.com/CurrentNews.asp?id=54835#sthash.MsAZbKxz.dpuf

 

VIDEO Acqua di Renuka per i rubinetti di Delhi?

Problematica Dighe

Area geografica Himachal Pradesh


Anno 2014

Durata 30’ 54”

Link a youtube https://www.youtube.com/watch?v=HZuXPnX4vp0#t=69

Lingua originale  Sottotitoli ENG

Realizzato da India Water Portal

Riassunto  Il Progetto della Renuka ha lo scopo di rifornire di acqua le città di Delhi. E’ finanziato dal Governo di Delhi e dall’ Himachal Pradesh Power Corporation Ltd (un Ente pubblico). Come tutti I progetti di grandi dighe ha suscitato l’opposizione delle comunità rurali per una serie di ragioni. Questo film, di Kurush Canteenwala, ci invita ad ascoltare i punti di vista delle popolazioni che saranno negativamente colpite.

VIDEO Resistenza nella Valle di Dibang

Problematica Dighe

Area geografica Arunachal Pradesh


Anno

Durata 2’ 10”

Link a youtube https://www.youtube.com/watch?v=m8TCUKh2hQY#t=36

Lingua originale  Sottotitoli ENG

Realizzato da Raju mimi

Riassunto  Sono in programma 17 dighe, compreso il Multipurpose Project (3000 MW) nella Dibang Valley.  Questo video vorrebbe rendere consapevole il mondo dell’esistenza del movimento delle popolazioni tribali indigene che si oppone alla costruzione di grandi dighe nella loro terra ancestrale, la Dibang Valley

Collegamenti  Urgent Appeal: Revoke Clearance of Dibang Multipurpose Hydroelectric Project in Arunachal Pradesh (2014)

VIDEO Voci dal Sikkim, la terra nascosta (2)

Problematica Dighe

Area geografica Sikkim


Anno 2009

Link a youtube https://www.youtube.com/watch?v=bqKTIhs4E_Y#t=64

Durata 9’45”

Lingua ENG

Realizzato da Tapas Majuran, International rivers

Riassunto. Questa è la seconda parte di un documentario di 20′ che illustra le campagne di una comunità del  Sikkim, India, contro la costruzione di grandi dighe, Qui lo scenario è quello del Teesta River, ai piedi delle più alte montagne del mondo. Il film illustra la lotta della comunità dei Lepcha contro le grandi dighe che distruggerebbero la regione dello Dzongu, sede di un famoso Parco Nazionale, e l’identità e la cultura della popolazione. Il film cerca di chiarire chi sarebbero i vincitori e i vinti in questo conflitto.

I progetti già realizzati, come il Teesta Stage V Hydropower Project, hanno indotto la popolazione dei Lepcha a organizzarsi per far sentire la loro protesta.

Per saperne di più: : http://www.internationalrivers.org/node/4376

VIDEO Voci dal Sikkim, la terra nascosta (1)

Problematica Dighe

Area geografica Sikkim


Anno 2009

Link a youtube https://www.youtube.com/watch?v=bqKTIhs4E_Y#t=64

Durata 9’40”

Lingua ENG

Realizzato da Tapas Majuran, International rivers

Riassunto. Questa è la prima parte di un documentario di 20′ che illustra le campagne di una comunità del  Sikkim, India, contro la costruzione di grandi dighe, Qui lo scenario è quello del Teesta River, ai piedi delle più alte montagne del mondo. Il film illustra la lotta della comunità dei Lepcha contro le grandi dighe che distruggerebbero la regione dello Dzongu, sede di un famoso Parco Nazionale, e l’identità e la cultura della popolazione. Il film cerca di chiarire chi sarebbero i vincitori e i vinti in questo conflitto.

I progetti già realizzati, come il Teesta Stage V Hydropower Project, hanno indotto la popolazione dei Lepcha a organizzarsi per far sentire la loro protesta.

Per saperne di più: : http://www.internationalrivers.org/node/4376